Parco della Valle dei Templi di Agrigento


Visualizza il sito nella versione Standard
» ita » eng » fra » rus » jpn » deu » esp » chn

1
2
3
4
5

Kolymbethra

La Kolymbethra

La Kolymbethra (dal greco, piscina) si trova presso l'estremità occidentale della Collina dei Templi, all'interno di un taglio naturale che divide l'area del Santuario delle Divinità Ctonie dal Tempio di Vulcano. Essa è tradizionalmente identificata sulla base dell'interpretazione di un passo dello storico greco Diodoro Siculo che la descrive come una magnifica piscina in cui si riversavano le canalizzazioni sotterranee che dalla parte alta della città scendevano a valle, tra cui la rete ipogeica scavata nella Collina di Girgenti e in quella nella Rupe Atenea che sbocca nella fontana di Bonamorone ancora attiva. Secondo la tradizione questa complessa rete di acquedotti era stata progettata dall'architetto Feace e realizzata con la mano d'opera dei prigionieri Cartaginesi sconfitti a Himera nel 480 a.C. per garantire l'approvvigionamento idrico o forse anche a scopi difensivo-militari. Nel cuore dell'area monumentale dell'antica Akragas la Kolymbethra - dove sono stati individuati ben diciotto sbocchi di canali - rappresentava non solo un grandioso bacino di raccolta delle acque ma soprattutto un incantevole paradiso naturalistico dal momento che era un florido vivaio di specie animali e vegetali. Già all'epoca di Diodoro, nel I sec. a.C., il luogo era in stato di abbandono e soltanto nel XII secolo d.C. fu ripresa nell'area la coltivazione della canna da zucchero alla quale si aggiunse, nel tempo, la coltivazione di agrumi. Dal 1999 la Kolymbethra è stata affidata in concessione al FAI (Fondo Ambiente Italiano) e costituisce un grandioso giardino di cinque ettari nel quale si condensa tutto il paesaggio agrario e naturale della Valle dei Templi con piante appartenenti alla macchia mediterranea (mirto, lentisco, terebinto, euforbia, ginestra) e un ampio agrumeto con limoni, mandarini e aranci..

Le fonti letterarie




Testo: Valentina Calì

[ Stampa questa pagina ]